• Andrea Marinelli

La Clematide

Tradotto letteralmente il nome di questa pianta"Clematide" significa "Legno flessibile", con i suoi lunghi steli ramificati, la pianta rende onore al suo significato. Poche piante rampicanti combinano vigore e fioritura mozzafiato come lei. In un giardino è davvero bella vederla arrampicarsi su recinzioni, obelischi, tralicci, sbarre a muro, pergole o archi e persino arrampicarsi negli alberi. Ci sono varietà che sopportano il pieno sole, ma la maggior parte delle cultivar crescono bene a mezz'ombra. Per quanto riguarda il suolo, le Clematidi non hanno requisiti particolari, ma non tollerano l'umidità stagnante. Se il terreno è sabbioso, si consiglia di aggiungere un po' di terriccio buono, al contrario se il terreno si presenta argilloso aggiungeremo della sabbia di fiume. Le Clematiti si arrampicano con l'aiuto di viticci fogliari che andranno ad attorcigliarsi ai vari sostegni. La fioritura generalmente inizia ad aprile con la robusta e piccola clematide alpina (Clematis alpina), seguita dalla clematide di montagna (Clematis montana) a maggio e giugno. La clematide si può provare a seminare da aprile a ottobre, ma il mio consiglio è quello di comprare piante in grandi vasi (almeno due litri), perché hanno già molte radici ramificate, consentendo di averle belle fiorite fin da ora nei nostri giardini. Bellissime sono le varietà a fiori grandi (ibridi) in colori splendenti. Alcuni addirittura fioriscono una seconda volta alla fine dell'estate.





Molto apprezzata, la clematide italiana (Clematis viticella) eccellente anche per la sua resistenza al gelo e non è soggetta all'appassimento della clematide, un fungo temuto che provoca l'essiccazione delle piante in pochissimo tempo, con lei avrai una bella fioritura dalla primavera all'autunno. Le Clematidi richiedono una potatura regolare per permette loro di rimanere fiorifere e compatte. Ti consiglio anche di far crescere la tua Clematide insieme ad una rosa e, ti assicuro che godrai di una fioritura lunga tutta l'estate.


Marinelli Andrea

Segui GiardinoWebBlog sui social

  • Instagram
  • Youtube