• Andrea Marinelli

I consigli di mia nonna

Il mio amore per il giardinaggio è iniziato quando ero un bambino negli anni 70.

Alla fine della primavera, quando l'aria era frizzante e il sole splendeva, mia nonna - indossando un grembiule cucito con ritagli di tessuto - si inginocchiava e con una cazzuola logora e con me al suo fianco, incominciò a lavorare.(Ero l'unico nipote che condivideva la sua passione per le piante.)

Ordinatamente, ha creato dei solchi. Quindi, prestandomi il suo "scavatore", come lo chiamava, mi disse quanto fossero profondi e larghi i piccoli solchi da scavare. Abbiamo messo a dimora alcuni semi (zinnie e calendule) ordinati, in ogni fila. Usando un vecchio setaccio oramai inservibile in cucina, setacciò pezzi di terra indurita per farne un terreno soffice, che in seguito abbiamo sparso sui semi. Successivamente, abbiamo annaffiato fino a quando il terreno era sufficientemente umido. Ho ancora il ricordo di quell'odore di terra fresca e bagnata in cui mi ha fatto sentire così vicino alla natura. Poi è arrivata l'attesa. In poche settimane, avremmo visto spuntare germogli fino ad arrivare alla bellezza della fioritura. Con il progredire della stagione, abbiamo diserbato, naturalmente senza usare prodotti nocivi, ma semplicemente a mano, e innaffiato aiuole e vasi. Alla scadenza delle fioriture, mia nonna, faceva sempre la raccolta dei semi da usare per la primavera successiva. Anche oggi pianto diverse piantine utilizzando semi che ho raccolto l'anno scorso.

Mia nonna mi dava molti consigli e a proposito delle Calendule ricordo: “Le calendule non amano essere troppo innaffiate, anzi danno il meglio di esse in un suolo siccitoso. Non innaffiare mai nel sole splendente. " Sarebbe più facile acquistare piante presso il vivaio locale, ma facendo la semina è , come avere mia nonna al mio fianco. Grazie nonna per questo entusiasmo che mi hai donato per la natura.


Andrea

11 visualizzazioni

Segui GiardinoWebBlog sui social

  • Instagram
  • Youtube