• Andrea Marinelli

Gladioli

Mia madre era una giardiniera per passione e nel suo giardino, realizzato in un vecchio campo da coltura per grano, non mancavano mai i gladioli, da lei adorati. Lei andava controcorrente e alla fine degli anni '90, quando i gladioli erano considerati una reliquia floreale di un'epoca passata, lei ne aveva talmente tanti e in tantissimi colori. Ammetto di non capire l'amore di mia madre per questo fiore, da me considerato"sfacciato", "volgare" e "fuori moda". Durante gli anni '40 e '50, i gladioli erano considerati di buon gusto ed era impossibile passare in estate, lungo le strade senza imbattersi in giardini dove vi erano enormi aiuole punteggiate da gladioli dai colori vivaci. Eppure come avviene spesso in vari settori, le mode ritornano e questo è il caso dei gladioli. Gli amanti del giardinaggio, che una volta li deridevano, hanno ritrovato l'ammirazione per i gladioli condividendo le loro foto in vari social che tutti noi conosciamo. I gladioli provengono da aree intorno al Mediterraneo, al Sud Africa e in alcune parti dell'Asia e sono stati coltivati ​​in Gran Bretagna, e nel resto dell'Europa a partire dal 17 ° secolo. La loro coltivazione iniziò all'inizio del 1800. Oggi sono disponibili circa più di 1.000 diversi gladioli da coltivare, con fiori nei toni del bianco, giallo, verde, blu, rosa, arancione, rosso, marrone e viola. I gladioli preferiscono un terreno ben drenato, da neutro a leggermente acido e un luogo soleggiato, i cormi possono essere piantati da fine marzo a fine primavera. Poiché producono fiori 70-90 giorni dopo la semina, un trucco è quello di piantarne alcune ogni due settimane durante il periodo di semina per produrre una successione di fioriture durante l'estate e in autunno. Posizionate i cormi con la punta rivolta verso l'alto ad una profondità di 15 cm, distanziandoli di 15 cm uno con l'altro. Se hai terreno argilloso, stendi un po 'di sabbia sul fondo dei solchi per favorire il drenaggio. Sbriciola delicatamente il terreno sopra i cormi e poi innaffia. Se stai coltivando varietà alte, posiziona una canna di bambù o un paletto nel terreno per aiutare a sostenere lo stelo in caso di vento.Questo lavoro lo farei immediatamente appena piantato. I gladioli fanno bella figura in gruppi o lungo il confine posizionando i più alti come fondo dell'aiuola. Possiamo coltivarli anche in vaso riempito di buon terreno e un'altrettanto efficace drenaggio. Le forme compatte con fiori non più alte di 50 cm sono le migliori, come la serie "Flevo" la mia preferita. Cinque cormi equidistanti sono perfetti in un vaso da 20 cm. I germogli tendono a sbocciare abbastanza rapidamente. Innaffia le piante in via di sviluppo regolarmente, specialmente durante le giornate calde, ogni due settimane innaffia con un fertilizzante liquido ricco di potassio. Che dirvi, grande mamma che con la tua educazione di giardiniera controcorrente, ora sono divenuto amante di questi fiori dallo stile vagamente tropicale. Buon lavoro amici e mandatemi foto dei vostri gladioli per pubblicarli sulla pagina Instagram di Giardinowebblog.


Andrea

8 visualizzazioni

Segui GiardinoWebBlog sui social

  • Instagram
  • Youtube