• Andrea Marinelli

Conosciamo la Noce

Le noci sono leggermente amare, meravigliosamente aromatiche ed estremamente salutari. Gli scoiattoli del mio giardino sono dei buongustai di noci ma non solo loro, noi umani le apprezziamo da migliaia di anni anche per il loro alto contenuto di grassi e per il loro gusto leggermente amaro e corposo: le noci venivano probabilmente raccolte e consumate già nell'età della pietra. Anticamente, i veri alberi di noce (juglans regia), originari dell'Asia centrale, erano coltivati ​​nell'area mediterranea: i Greci li portarono con sé dalla Persia, i Romani li diffusero nell'Europa centrale. Con gli spagnoli arrivarono nel continente americano molti secoli dopo. La maggior parte delle noci vendute nei nostri negozi, provengono dalle grandi piantagioni della California o Francia, ma vengono coltivate anche in molti altri paesi del Mediterraneo o in Asia; il più grande produttore mondiale è la Cina. Il mio parere è quello di acquistare sempre noci provenienti da zone il più vicino a noi possibilmente da persone che conosciamo.



Chiunque desideri coltivare un albero di noce nel proprio giardino, o meglio ancora, lasciare crescere quelle piantine che spuntano spontaneamente perché gli scoiattoli hanno seppellito le noci nel giardino e si sono dimenticati di loro, può volerci un po 'prima che l'albero dia i primi frutti: con un po' di fortuna ci vorranno quattro o cinque anni. Consideriamo sempre uno spazio sufficiente

, perché i noci possono raggiungere altezze di 25 o più metri e sviluppare chiome molto grandi.




Un frutto a dir poco sbalorditivo, una volta aperto, il nucleo ricorda un cervello umano. A causa di questa somiglianza, una volta si credeva che mangiare noci facesse bene al nostro cervello. Oggi sappiamo per conoscenza scientifica che questo è vero. Tra le altre cose, le noci forniscono il prezioso acido alfa-linolenico, un acido grasso omega-3 che supporta le funzioni cerebrali. Il contenuto di grassi delle noci fresche è di circa il 62%, la maggior parte dei quali sono preziosi acidi grassi polinsaturi.

Le noci inoltre hanno un effetto positivo sul cuore e la circolazione, proteggono dall'ipertensione e persino dal diabete 2. Oltre al prezioso grasso, ci forniscono molti minerali, tra cui potassio, calcio, magnesio e ferro, vitamine come A, C, E e quelle del gruppo B. I loro polifenoli promuovono la salute come spazzini dei radicali e possono contrastare il cancro o la demenza. Sgranocchiare le noci regolarmente, non solo per motivi culinari ma anche per motivi di salute è consigliato, ma è sempre meglio una certa moderazione a causa delle calorie.





Rimuovere il guscio di noce non è così facile: servono strumenti potenti per aprire il guscio duro e legnoso. Usando un oggetto appuntito sulla curva superiore del guscio, la noce può spesso essere nettamente divisa in due metà estraendo così il gustoso frutto interno completamente intatto. Sappiamo che le noci prendono un sapore di rancico, soprattutto se spaccate e quando la buccia, che sembra di carta intorno al nocciolo è danneggiata e l'ossigeno può penetrare. Pertanto, è meglio usare le noci sgusciate e conservarle in un luogo fresco e buio e consumate velocemente.


Andrea Marinelli

Segui GiardinoWebBlog sui social

  • Instagram
  • Youtube