• Andrea Marinelli

Ciclamini

Qualsiasi giardiniere ha l'impressione che il ciclamino sia piuttosto fragile: difficile da coltivare e poco resistente. Bene, cominciamo ora dicendo che tutto ciò non coincide con la realtà. In effetti, la maggior parte dei ciclamini ripeto, la maggior parte dei ciclamini sono molto resistenti, inoltre, puoi averli in fiore nel giardino in diversi mesi dell'anno. Membri della famiglia delle primule, i ciclamini occupano in natura un vasto habitat che va dalla Francia dell'est fino all'Iran. Un tempo noto anche in agricoltura veniva coltivato perché si diceva che i tuberi fossero molto apprezzati dai maiali, ora sono i cinghiali che ne fanno una vera e propria strage e molti altri bulbi ma non solo, pensiamo ad interi raccolti distrutti dalla loro accentuata voracità. I ciclamini preferiscono habitat secchi, luoghi pietrosi e pendii ghiaiosi.Crescendo da un tubero legnoso e arrotondato, si trovano poco sotto la superficie del suolo, i fiori dei ciclamini sono tenuti su steli individuali e ognuno è composto da cinque distinti petali. Sono disponibili in tutte le sfumature del rosa al rosa rossastro o violaceo intenso al rosa pallido oltre al bianco. Ci sono anche dei deliziosi bicolori. Molti sono profumati dal tipico inconfondibile odore, ma non tutte le specie hanno questa peculiarità. Le foglie sono tenute su singoli steli e hanno una forma che varia da arrotondata o lanceolata. I tuberi si espandono costantemente nel corso degli anni e possono raggiungere i 25 cm di diametro. Una caratteristica interessante del ciclamino è che dopo la fioritura, mentre i baccelli si sviluppano, gli steli che portavano i fiori, si attorcigliano strettamente, attirando i baccelli sul tubero. Quindi, i baccelli ad un certo punto"esplodono", i semi vengono portati via dalle formiche, che sono attratte dal loro dolce rivestimento appiccicoso. Questo spiega la presenza di piante che spuntano, a volte in luoghi inaspettati come le fessure delle pareti.




I ciclamini sono sicuramente tra i più belli dei fiori primaverili e autunnali; tuttavia, esiste una specie che è notevolmente meno resistente delle altre, per intenderci il ciclamino che acquistiamo come pianta da vaso: C. Persicum. Ce ne sono così tante varietà, in così tante sfumature, molte nuove introdotte ogni anno e nello stesso tempo altre che scompaiono. Il C. Persicum è il classico ciclamino che viene venduto come pianta graziosa da tenere in casa magari vicino ad una finestra nel periodo autunno/inverno.

Il ciclamino Coum, al contrario del Persicum, è molto resistente con fiori che messi vicini danno l'idea di un arazzo primaverile in luoghi anche ombrosi dove altre cultivar stentano a fiorire.

deliziosi sono mescolarli con elleboro, primule e bulbi nani come bucaneve, crocus , scillas e chionodoxas. Il ciclamino hederifolium è da collocare alla base delle siepi di conifere, si naturalizzeranno allegramente nell'erba, assicurati solo che il tempo di falciatura coincida con la dormienza del ciclamino. Molti ciclamini crescono bene in vasi di terracotta: una raccolta di diverse specie può essere coltivata in contenitori, raggruppati in uno spazio relativamente piccolo.

20 visualizzazioni

Segui GiardinoWebBlog sui social

  • Instagram
  • Youtube